Scuola materna

Stasera la storia te la racconto io…:

Sospensione servizio scolastico fino al 15 Aprile 2020

La Scuola Materna resterà chiusa seguendo le indicazioni del Ordinanza Regione Lombardia del 21 marzo 2020. Don Maurizio, Sr. Patrizia restano a disposizione per qualsiasi cosa e attendono la comunicazione per riavviare tutte le attività.
Le maestre inviano ogni sera un racconto della buona notte per tutti i bambini. Le ringraziamo per la disponibilità e la creatività che sempre le contraddistingue.

Contatti:
Fisso scuola: 0331/638568
cellulare scuola: 3515654050
sr. Patrizia: 3384313881

ISCRIZIONI a.s. 2020/2021

Scarica i moduli d’iscrizione alla scuola materna 2020-2021

Suor Patrizia è presente nei seguenti giorni ed orari:

Lunedì dalle ore 9:00 alle ore 12:00
da Mercoledì a Venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e dalle 13.30 alle 16.00

Le iscrizioni proseguiranno fino al 31 Gennaio 2020 passando presso la scuola e chiedendo di Sr. Patrizia o su appuntamento tel 0331/638568 cell 351/5654050

I posti disponibili sono ESAURITI.
E’ possibile fare la richiesta per l’inserimento nella lista d’attesa.

LA NOSTRA STORIA

La Scuola Materna SS. Apostoli Pietro e Paolo, fondata nel 1926 da don Paolo Cairoli per venire incontro alle esigenze delle famiglie della comunità, era, da principio, una struttura costituita da due aule e da un saloncino con refettorio. L’aumento della popolazione rese necessario un primo ampliamento ad opera di don Santo Melzi, che fece creare una terza sezione e ampliò il saloncino di ricreazione. Nel 1972 la parrocchia non fu in grado di adeguarsi alla nuove norme di legge e di far fronte al ritiro delle suore, così  la scuola materna cambiò indirizzo e divenne, dapprima, Ente parzialmente comunale, e poi nel 1975, Ente Statale.

Nel 1983, con l’arrivo del nuovo parroco, don Giovanni Annovazzi, la scuola materna ritornò coraggiosamente alla parrocchia, sotto la direzione delle “Sorelle  della Parrocchia”. La presidenza  fu affidata al parroco pro-tempore don  Giovanni Annovazzi. Visto il continuo aumento delle iscrizioni sono stati fatti lavori di ampliamento tra cui la sala da pranzo, la ristrutturazione della cucina e dei servizi,  l’adeguamento a tutte le norme di sicurezza (D.L.626) e l’abbattimento delle barriere architettoniche. I lavori sono stati portati a termine sotto la presidenza dell’allora parroco Don Francesco Colino.

         In seguito alla richiesta di parità scolastica presentata in data 14 luglio 2000, la nostra scuola materna è stata riconosciuta paritaria ai sensi della legge 10 marzo 2000, n.62, a decorrere dall’anno scolastico 2000/2001(Prot. n.488/3230 del 28.02.2001.

[nggallery id=1]

Le nostre finalità

 La scuola materna concorre a  promuovere la formazione integrale della personalità dei bambini dai 3 ai 6 anni, nella prospettiva di soggetti liberi, responsabili e attivamente partecipi alla vita della comunità locale, nazionale e internazionale”. Ovvero si propone di raggiungere:

–                     una maturazione dell’identità, sotto il profilo corporeo, affettivo ed intellettuale;
–                      la conquista dell’autonomia, nelle direzioni dell’interiorizzazione e rispetto pratico dei valori condivisi della coscienza, della libertà, del pensiero;
–                     lo sviluppo della competenza del bambino, valorizzando differenze individuali e integrando gli eventuali svantaggi.

La nostra scuola materna, fa propria la concezione della persona espressa dal Vangelo.
Suo compito primario è di assicurare un ambiente educativo che porti il bambino ad acquisire un atteggiamento di ascolto e di risposta alla “vocazione” cui è chiamato come persona.

Nella scuola materna autonoma,  quindi, l’educazione religiosa non viene ad accostarsi o a sovrapporsi agli altri campi di esperienza come proposta avente pari dignità, ma rappresenta il presupposto fondante, il senso di tutte le altre esperienze.

Il bambino è così avviato con gradualità, in un clima di rispetto e di amore, a scoprire il significato della propria vita, a crescere nella cultura del cuore, nella speranza del domani, nella fiducia verso gli altri e nella sicurezza del proprio agire.